Il boom delle scuole di cucina

Il boom delle scuole di cucina

di Marco Parizzi

Come si è già detto più volte, in questi ultimi anni abbiamo assistito ad un vero boom di tutto quello che gira intorno alla cucina, non fanno eccezione le scuole di cucina.
Se le scuole di cucina per professionisti, stanno aumentando, ma moderatamente, le scuole di cucina per amatori proliferano ogni dove.
In effetti non ci vogliono effettivamente diplomi o attestati per poter intraprendere questo viaggio, bastano degli spazi e una buona dose di credibilità.
Ma perché questo interesse ora, perché questa passione?
Ci sono tre fondamentali fattori che hanno contribuito a questo exploit:

 

il primo e più rilevante è sicuramente che le trasmissioni televisive hanno spettacolarizzato e pubblicizzato nel bene e nel male questo mestiere.

Un secondo motivo è che volenti o nolenti si mangia tre volte al giorno e in un mondo dove tutto quanto è accellerato, prendersi un attimo per “fare”, creare se vuoi un piatto per i tuoi cari da una pace e una soddisfazione unica.

Ma a mio parere esiste anche un terzo motivo che spinge uomini e donne ad iscriversi ad un corso: la scomparsa di una generazione di nonne, che ti svegliavano la mattina con quel profumo di soffritto, perché era domenica e c’era da metter su le lasagne, o che ti sedevano li, a stampar su degli anolini, o che visto che avevi le dita piccoline le farfalle venivamo meglio.

By |giugno 9th, 2015|Angolo di Marco|Commenti disabilitati su Il boom delle scuole di cucina

About the Author:

Marco Parizzi Chef proprietario del ristorante Parizzi Socio Parizzi Suites%Studio Consulente ristorazione